Warning: Memcache::addserver() expects parameter 2 to be long, string given in /home/mifa1614/public_html/libraries/joomla/cache/storage/memcache.php on line 84
Liturgia Sett. 12 Giorno 76

Almanacco

Che tempo fa ?

Martedì, 12 Dicembre 2017 -
Home Tutte le Liturgie Liturgia Sett. 12 Giorno 76

Liturgia Sett. 12 Giorno 76

Non è possibile una famiglia senza il sogno. Quando in una famiglia si perde la capacità di sognare, i bambini non crescono e l'amore non cresce, la vita si affievolisce e si spegne. Per questo vi raccomando che la sera, quando fate l'esame di coscienza, ci sia anche questa domanda: oggi ho sognato il futuro dei miei figli? Oggi ho sognato l'amore del mio sposo, della mia sposa? Oggi ho sognato i miei genitori, i miei nonni che hanno portato avanti la storia fino a me?.

Papa Francesco

Liturgia del Giorno

Mercoledì della IV settimana di Quaresima
S. Cirillo di Geruralemme, vescovo e Dottore della Chiesa,  B. Celestina della Madre di Dio, fondatrice (1848-1925)

Tutte le Liturgie


Prima Lettura

Libro di Isaia 49,8-15.

Così dice il Signore: "Al tempo della misericordia ti ho ascoltato, nel giorno della salvezza ti ho aiutato. Ti ho formato e posto come alleanza per il popolo, per far risorgere il paese, per farti rioccupare l'eredità devastata, per dire ai prigionieri: Uscite, e a quanti sono nelle tenebre: Venite fuori. Essi pascoleranno lungo tutte le strade, e su ogni altura troveranno pascoli. Non soffriranno né fame né sete e non li colpirà né l'arsura né il sole, perché colui che ha pietà di loro li guiderà, li condurrà alle sorgenti di acqua. Io trasformerò i monti in strade e le mie vie saranno elevate. Ecco, questi vengono da lontano, ed ecco, quelli vengono da mezzogiorno e da occidente e quelli dalla regione di Assuan". Giubilate, o cieli; rallegrati, o terra, gridate di gioia, o monti, perché il Signore consola il suo popolo e ha pietà dei suoi miseri. Sion ha detto: "Il Signore mi ha abbandonato, il Signore mi ha dimenticato". Si dimentica forse una donna del suo bambino, così da non commuoversi per il figlio delle sue viscere? Anche se queste donne si dimenticassero, io invece non ti dimenticherò mai.

Salmi

Salmi 145(144),8-9.13cd-14.17-18.

Paziente e misericordioso è il Signore, lento all'ira e ricco di grazia. Buono è il Signore verso tutti, la sua tenerezza si espande su tutte le creature. Giusto è il Signore in tutte le sue vie,santo in tutte le sue opere.Il Signore sostiene quelli che vacillano e rialza chiunque è caduto. Giusto è il Signore in tutte le sue vie, santo in tutte le sue opere. Il Signore è vicino a quanti lo invocano, a quanti lo cercano con cuore sincero.

Seconda Lettura

Non prevista per la giornata odierna

Vangelo

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 5,17-30.

In quel tempo, Gesù rispose ai Giudei: «Il Padre mio opera sempre e anch'io opero». Proprio per questo i Giudei cercavano ancor più di ucciderlo: perché non soltanto violava il sabato, ma chiamava Dio suo Padre, facendosi uguale a Dio. Gesù riprese a parlare e disse: «In verità, in verità vi dico, il Figlio da sé non può fare nulla se non ciò che vede fare dal Padre; quello che egli fa, anche il Figlio lo fa. Il Padre infatti ama il Figlio, gli manifesta tutto quello che fa e gli manifesterà opere ancora più grandi di queste, e voi ne resterete meravigliati. Come il Padre risuscita i morti e dà la vita, così anche il Figlio dà la vita a chi vuole; il Padre infatti non giudica nessuno ma ha rimesso ogni giudizio al Figlio, perché tutti onorino il Figlio come onorano il Padre. Chi non onora il Figlio, non onora il Padre che lo ha mandato. In verità, in verità vi dico: chi ascolta la mia parola e crede a colui che mi ha mandato, ha la vita eterna e non va incontro al giudizio, ma è passato dalla morte alla vita. In verità, in verità vi dico: è venuto il momento, ed è questo, in cui i morti udranno la voce del Figlio di Dio, e quelli che l'avranno ascoltata, vivranno. Come infatti il Padre ha la vita in se stesso, così ha concesso al Figlio di avere la vita in se stesso; e gli ha dato il potere di giudicare, perché è Figlio dell'uomo. Non vi meravigliate di questo, poiché verrà l'ora in cui tutti coloro che sono nei sepolcri udranno la sua voce e ne usciranno: quanti fecero il bene per una risurrezione di vita e quanti fecero il male per una risurrezione di condanna. Io non posso far nulla da me stesso; giudico secondo quello che ascolto e il mio giudizio è giusto, perché non cerco la mia volontà, ma la volontà di colui che mi ha mandato.

Commento alle letture

"Il Padre mio opera sempre e anch'io opero"    

    Se osserviamo come si comportava il Salvatore nella vita mortale, vediamo che volontariamente nascondeva la sua identità di Figlio di Dio e allo stesso tempo la manifestava. Sembra che abbia voluto che se ne potesse gioire, ma non sul momento – come se le sue parole, già vere, dovessero attendere un certo tempo per essere completamente chiare, attendere la sua venuta, che darà piena luce a Cristo e alle sue parole. Â… Era fra i discepoli “come colui che serve” (Lc 22,17). Appare chiaro che, solo dopo la resurrezione e soprattutto dopo lÂ’ascensione, quando è sceso lo Spirito Santo, gli apostoli hanno capito chi era colui che era stato con loroÂ…    Più volte nella Scrittura come nel mondo, non vediamo la presenza di Dio quando è con noi, ma solo dopo, guardando indietro, comprendiamo quanto è avvenuto primaÂ… Che meravigliosa provvidenza, che si fa così silenziosa, mentre è contemporaneamente così efficace, costante e soprattutto infallibile! EÂ’ ciò che è totalmente sconcertante per il potere di satana, incapace di discernere la mano di Dio allÂ’opera nello svolgersi delle coseÂ…; i suoi molti mezzi non servono a nulla di fronte al silenzio maestoso e sereno, alla calma imperturbabile e santa che regna nella provvidenza divinaÂ…    La mano di Dio regna sempre sui suoi e li conduce per una strada che essi ignorano. Tutto ciò che essi possono fare è credere; quello che non vedono ora lo vedranno più tardi. E con questa fede sono collaboratori dellÂ’opera di Dio.    

Beato John Henry Newman (1801-1890), sacerdote, fondatore di una comunità religiosa, teologo     - Discorso « Christ Manifested in Remembrance », PPS t. 4, n°17    

Tutte le Liturgie

Registrati e effettua il login al sito; in caso contrario non puoi rilasciare commenti.

Storico Articoli

Powered by mod LCA

Warning: mkdir() [function.mkdir]: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 60

Warning: file_put_contents(/home/mifa1614/public_html/cache/mod_lca/9735018e1fea20d52f5c7af32767fb3f.xml) [function.file-put-contents]: failed to open stream: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 61

Utenti On Line

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi260
mod_vvisit_counterIeri685
mod_vvisit_counterQuesta Settimana945
mod_vvisit_counterScorsa Settimna3811
mod_vvisit_counterQuesto Mese6776
mod_vvisit_counterScorso Mese28770
mod_vvisit_counterComplessivo4265380

Abbiamo: 79 ospiti online
IP: 54.82.112.193
 , 
Oggi: Dic 12, 2017

Che ore sono ?