Warning: Memcache::addserver() expects parameter 2 to be long, string given in /home/mifa1614/public_html/libraries/joomla/cache/storage/memcache.php on line 84
Liturgia Sett. 01 Giorno 362

Almanacco

Che tempo fa ?

Martedì, 20 Febbraio 2018 -
Home Tutte le Liturgie Liturgia Sett. 01 Giorno 362

Liturgia Sett. 01 Giorno 362

La pace non potrà regnare tra gli uomini se prima non regna nel cuore di ciascuno..

Giovanni XXIII

Liturgia del Giorno

V giorno fra l'Ottava di Natale
S. Thomas Becket, vescovo e martire (1118-1170),  B. Gerardo Cagnoli, religioso O.F.M. (1267-1342)

Tutte le Liturgie


Prima Lettura

Prima lettera di san Giovanni apostolo 2,3-11.

Carissimi, da questo sappiamo d'avere conosciuto Gesù: se osserviamo i suoi comandamenti. Chi dice: "Lo conosco" e non osserva i suoi comandamenti, è bugiardo e la verità non è in lui; ma chi osserva la sua parola, in lui l'amore di Dio è veramente perfetto. Da questo conosciamo di essere in lui. Chi dice di dimorare in Cristo, deve comportarsi come lui si è comportato. Carissimi, non vi scrivo un nuovo comandamento, ma un comandamento antico, che avete ricevuto fin da principio. Il comandamento antico è la parola che avete udito. E tuttavia è un comandamento nuovo quello di cui vi scrivo, il che è vero in lui e in voi, perché le tenebre stanno diradandosi e la vera luce già risplende. Chi dice di essere nella luce e odia suo fratello, è ancora nelle tenebre. Chi ama suo fratello, dimora nella luce e non v'è in lui occasione di inciampo. Ma chi odia suo fratello è nelle tenebre, cammina nelle tenebre e non sa dove va, perché le tenebre hanno accecato i suoi occhi.

Salmi

Salmi 96(95),1-2a.2b-3.5b-6.

Cantate al Signore un canto nuovo, cantate al Signore da tutta la terra. Cantate al Signore, benedite il suo nome. Annunziate di giorno in giorno la sua salvezza; In mezzo ai popoli raccontate la sua gloria, a tutte le nazioni dite i suoi prodigi. Il Signore ha fatto i cieli; Maestà e bellezza sono davanti a lui, potenza e splendore nel suo santuario.

Seconda Lettura

Non prevista per la giornata odierna

Vangelo

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Luca 2,22-35.

Quando venne il tempo della loro purificazione secondo la Legge di Mosè, Maria e Giuseppe portarono il bambino a Gerusalemme per offrirlo al Signore, come è scritto nella Legge del Signore: ogni maschio primogenito sarà sacro al Signore; e per offrire in sacrificio una coppia di tortore o di giovani colombi, come prescrive la Legge del Signore. Ora a Gerusalemme c'era un uomo di nome Simeone, uomo giusto e timorato di Dio, che aspettava il conforto d'Israele; lo Spirito Santo che era sopra di lui, gli aveva preannunziato che non avrebbe visto la morte senza prima aver veduto il Messia del Signore. Mosso dunque dallo Spirito, si recò al tempio; e mentre i genitori vi portavano il bambino Gesù per adempiere la Legge, lo prese tra le braccia e benedisse Dio: «Ora lascia, o Signore, che il tuo servo vada in pace secondo la tua parola; perché i miei occhi han visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli, luce per illuminare le genti e gloria del tuo popolo Israele». Il padre e la madre di Gesù si stupivano delle cose che si dicevano di lui. Simeone li benedisse e parlò a Maria, sua madre: «Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l'anima».

Commento alle letture

« Simeone prese il bambino tra le braccia »    

    Nell'orazione di quiete, il Signore comincia a mostrarci che ascolta la nostra preghiera e ci accorda il suo Regno, affinché possiamo veramente benedirlo e santificare il suo nome, e incitiamo tutti gli uomini a fare lo stesso. Si tratta di una cosa soprannaturale che non possiamo procurarci con i nostri sforzi, qualsiasi essi siano.            Qui infatti l'anima si immerge nella pace, o, per meglio dire, il Signore la immerge nella pace, con la sua presenza, come ha fatto per il giusto Simeone. Allora tutte le potenze dell'anima si pacificano, ed essa capisce, in modo totalmente diverso da come ci viene dai sensi esterni, che è vicinissima al suo Dio e che poco le manca per essere nell'unione una sola cosa con lui. Non che lo veda con gli occhi del corpo né con quelli dell'anima; anche il giusto Simeone vedeva esternamente soltanto l'augusto Poverello e, guardando alle fasce che lÂ’avvolgevano, al piccolo numero di coloro che lÂ’accompagnavano, avrebbe potuto scambiarlo per il figlio di povera gente, piuttosto che per il Figlio del Padre celeste. Ma il Bambino stesso gli ha fatto sapere chi aveva di fronte. Qui, allo stesso modo, l'anima capisce; con meno chiarezza tuttavia, perché non sa ancora come arriva a capire. Si accorge soltanto di trovarsi nel Regno, o almeno accanto al Re che deve darglielo ed è presa da un tale rispetto che non osa porre alcuna domanda.    

Santa Teresa d'Avila (1515-1582), carmelitana, dottore della Chiesa     - Il cammino di perfezione, capp. 31/33    

Tutte le Liturgie

Registrati e effettua il login al sito; in caso contrario non puoi rilasciare commenti.

Storico Articoli

Powered by mod LCA

Warning: mkdir() [function.mkdir]: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 60

Warning: file_put_contents(/home/mifa1614/public_html/cache/mod_lca/9735018e1fea20d52f5c7af32767fb3f.xml) [function.file-put-contents]: failed to open stream: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 61

Utenti On Line

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi284
mod_vvisit_counterIeri615
mod_vvisit_counterQuesta Settimana899
mod_vvisit_counterScorsa Settimna5361
mod_vvisit_counterQuesto Mese13127
mod_vvisit_counterScorso Mese15810
mod_vvisit_counterComplessivo4315312

Abbiamo: 20 ospiti, 1 bots online
IP: 50.19.34.255
 , 
Oggi: Feb 20, 2018

Che ore sono ?