Warning: Memcache::addserver() expects parameter 2 to be long, string given in /home/mifa1614/public_html/libraries/joomla/cache/storage/memcache.php on line 84
Liturgia Sett. 34 Giorno 230

Almanacco

Che tempo fa ?

Martedì, 12 Dicembre 2017 -
Home Tutte le Liturgie Liturgia Sett. 34 Giorno 230

Liturgia Sett. 34 Giorno 230

Nel silenzio c'è la potenza della chiarificazione, della purificazione e della comprensione dell'essenziale..

Dietrich Bonhoeffer

Liturgia del Giorno

Martedì della XX settimana delle ferie del Tempo Ordinario
S. Jean (Giovanni) Eudes, sacerdote e fondatore (1601-1680),  S. Ezequiel Moreno y Díaz, vescovo O.A.R. (1848-1906)

Tutte le Liturgie


Prima Lettura

Libro di Ezechiele 28,1-10.

Mi fu rivolta questa parola del Signore:Figlio dell'uomo, parla al principe di Tiro: Dice il Signore Dio: Poiché il tuo cuore si è insuperbito e hai detto: Io sono un dio, siedo su un seggio divino in mezzo ai mari, mentre tu sei un uomo e non un dio, hai uguagliato la tua mente a quella di Dio,ecco, tu sei più saggio di Daniele, nessun segreto ti è nascosto.Con la tua saggezza e il tuo accorgimento hai creato la tua potenza e ammassato oro e argento nei tuoi scrigni;con la tua grande accortezza e i tuoi traffici hai accresciuto le tue ricchezze e per le tue ricchezze si è inorgoglito il tuo cuore.Perciò così dice il Signore Dio: Poiché hai uguagliato la tua mente a quella di Dio,ecco, io manderò contro di te i più feroci popoli stranieri; snuderanno le spade contro la tua bella saggezza, profaneranno il tuo splendore.Ti precipiteranno nella fossa e morirai della morte degli uccisi in mezzo ai mari.Ripeterai ancora: "Io sono un dio", di fronte ai tuo uccisori? Ma sei un uomo e non un dio in balìa di chi ti uccide.Della morte dei non circoncisi morirai per mano di stranieri, perché io l'ho detto". Oracolo del Signore Dio.

Salmi

Libro del Deuteronomio 32,26-27ab.27cd-28.30.35cd-36ab.

Io ho detto: Li voglio disperdere, cancellarne tra gli uomini il ricordo! se non temessi l'arroganza del nemico, l'abbaglio dei loro avversari; non dicano: La nostra mano ha vinto, non è il Signore che ha operato tutto questo! Sono un popolo insensato e in essi non c'è intelligenza: Come può un uomo solo inseguirne mille o due soli metterne in fuga diecimila? Non è forse perché la loro Roccia li ha venduti, il Signore li ha consegnati? Mia sarà la vendetta e il castigo, quando vacillerà il loro piede! Sì, vicino è il giorno della loro rovina e il loro destino si affretta a venire. Perché il Signore farà giustizia al suo popolo e dei suoi servi avrà compassione; quando vedrà che ogni forza è svanita e non è rimasto né schiavo, né libero.

Seconda Lettura

Non prevista per la giornata odierna

Vangelo

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 19,23-30.

Gesù allora disse ai suoi discepoli: «In verità vi dico: difficilmente un ricco entrerà nel regno dei cieli. Ve lo ripeto: è più facile che un cammello passi per la cruna di un ago, che un ricco entri nel regno dei cieli». A queste parole i discepoli rimasero costernati e chiesero: «Chi si potrà dunque salvare?». E Gesù, fissando su di loro lo sguardo, disse: «Questo è impossibile agli uomini, ma a Dio tutto è possibile». Allora Pietro prendendo la parola disse: «Ecco, noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito; che cosa dunque ne otterremo?». E Gesù disse loro: «In verità vi dico: voi che mi avete seguito, nella nuova creazione, quando il Figlio dell'uomo sarà seduto sul trono della sua gloria, siederete anche voi su dodici troni a giudicare le dodici tribù di Israele. Chiunque avrà lasciato case, o fratelli, o sorelle, o padre, o madre, o figli, o campi per il mio nome, riceverà cento volte tanto e avrà in eredità la vita eterna». Molti dei primi saranno ultimi e gli ultimi i primi».

Commento alle letture

Lo spirito di proprietà o la povertà in Spirito ?    

    Non abbiate nessun desiderio se non quello di entrare, solo per amore di Cristo, nel distacco, nel vuoto e nella povertà riguardo a tutto quanto esiste sulla terra. Non proverete altri bisogni che quelli ai quali avrete così sottomesso il vostro cuore ; il povero in spirito (Mt 5,3)  non è mai così felice come quando si trova nell'indigenza; colui che ha un cuore che non desidera nulla, vive sempre tranquillo.     I poveri in Spirito danno con grande liberalità tutto quanto possiedono. La loro gioia è di sapere farne a meno, offrendolo per amore di Dio e del prossimo (Mt 22,37s)Â… Non solo i beni, le gioie e i piaceri di questo mondo ci occupano e ci fanno perdere tempo nella marcia verso Dio, ma pure le gioie e le consolazioni spirituali sono un ostacolo nellÂ’andare avanti se le riceviamo o le ricerchiamo con uno spirito di proprietà.    

San Giovanni della Croce (1542-1591), carmelitano, dottore della Chiesa     - Avvisi e sentenze    

Tutte le Liturgie

Registrati e effettua il login al sito; in caso contrario non puoi rilasciare commenti.

Storico Articoli

Powered by mod LCA

Warning: mkdir() [function.mkdir]: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 60

Warning: file_put_contents(/home/mifa1614/public_html/cache/mod_lca/9735018e1fea20d52f5c7af32767fb3f.xml) [function.file-put-contents]: failed to open stream: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 61

Utenti On Line

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi249
mod_vvisit_counterIeri685
mod_vvisit_counterQuesta Settimana934
mod_vvisit_counterScorsa Settimna3811
mod_vvisit_counterQuesto Mese6765
mod_vvisit_counterScorso Mese28770
mod_vvisit_counterComplessivo4265369

Abbiamo: 71 ospiti online
IP: 54.82.112.193
 , 
Oggi: Dic 12, 2017

Che ore sono ?