Warning: Memcache::addserver() expects parameter 2 to be long, string given in /home/mifa1614/public_html/libraries/joomla/cache/storage/memcache.php on line 84
Liturgia Sett. 26 Giorno 173

Almanacco

Che tempo fa ?

Martedì, 20 Febbraio 2018 -
Home Tutte le Liturgie Liturgia Sett. 26 Giorno 173

Liturgia Sett. 26 Giorno 173

Nel nostro mondo le difficoltà di interazione, il bisogno ossessivo di soldi, di successo, di status, ci hanno offuscato la mente alla stregua delle droghe; sono diventati bisogni che hanno creato in noi dipendenza così come fanno gli stupefacenti e questo ci ha fatto perdere il gusto e il piacere di fare e di essere..

Giovanni Tagliaferro

Liturgia del Giorno

Lunedì della XII settimana delle ferie del Tempo Ordinario
S. Giuseppe Cafasso, sacerdote (1811-1860),  B. Maria Raffaella (Santina) Cimatti, S.O.M. (1861-1945)

Tutte le Liturgie


Prima Lettura

Secondo libro dei Re 17,5-8.13-15a.18.

In quei giorni, Salmanassar, re d'Assiria invase tutto il paese, andò in Samaria e l'assediò per tre anni. Nell'anno nono di Osea il re d'Assiria occupò Samaria, deportò gli Israeliti in Assiria, destinandoli a Chelach, alla zona intorno a Cabòr, fiume del Gozan, e alle città della Media. Ciò avvenne perché gli Israeliti avevano peccato contro il Signore loro Dio, che li aveva fatti uscire dal paese d'Egitto, liberandoli dal potere del faraone re d'Egitto; essi avevano temuto altri dei. Avevano seguito le pratiche delle popolazioni distrutte dal Signore all'arrivo degli Israeliti e quelle introdotte dai re di Israele. Eppure il Signore, per mezzo di tutti i suoi profeti e dei veggenti, aveva ordinato a Israele e a Giuda: "Convertitevi dalle vostre vie malvagie e osservate i miei comandi e i miei decreti secondo ogni legge, che io ho imposta ai vostri padri e che ho fatto dire a voi per mezzo dei miei servi, i profeti". Ma essi non ascoltarono, anzi indurirono la nuca rendendola simile a quella dei loro padri, i quali non avevano creduto al Signore loro Dio. Rigettarono i suoi decreti e le alleanze che aveva concluse con i loro padri, e le testimonianze che aveva loro date; seguirono le vanità e diventarono anch'essi fatui, a imitazione dei popoli loro vicini, dei quali il Signore aveva comandato di non imitare i costumi. Per questo il Signore si adirò molto contro Israele e lo allontanò dalla sua presenza e non rimase se non la sola tribù di Giuda.

Salmi

Salmi 60,3.4-5.13-14.

Dio, tu ci hai respinti, ci hai dispersi; ti sei sdegnato: ritorna a noi. Hai scosso la terra, l'hai squarciata, risana le sue fratture, perché crolla. Hai inflitto al tuo popolo dure prove, ci hai fatto bere vino da vertigini. Nell'oppressione vieni in nostro aiuto perché vana è la salvezza dell'uomo. Con Dio noi faremo prodigi: egli calpesterà i nostri nemici.

Seconda Lettura

Non prevista per la giornata odierna

Vangelo

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 7,1-5.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Non giudicate, per non essere giudicati; perché col giudizio con cui giudicate sarete giudicati, e con la misura con la quale misurate sarete misurati. Perché osservi la pagliuzza nell'occhio del tuo fratello, mentre non ti accorgi della trave che hai nel tuo occhio? O come potrai dire al tuo fratello: permetti che tolga la pagliuzza dal tuo occhio, mentre nell'occhio tuo c'è la trave? Ipocrita, togli prima la trave dal tuo occhio e poi ci vedrai bene per togliere la pagliuzza dall'occhio del tuo fratello».

Commento alle letture

« Non giudicate e non sarete giudicati »    

    Tu sei molto abile nel trovare giustificazioni per quello che fai e nel farlo apparire sotto una certa luce, mentre rifiuti di accettare le giustificazioni negli altri.     Sarebbe invece più giusto che tu accusassi te stesso e scusassi il tuo fratello.     Se vuoi essere sopportato, sopporta gli altri anche tu.     Vedi quanto sei ancora lontano dal vero amore e dallÂ’umiltà di chi non sa adirarsi e indignarsi con alcuno, fuor che con se stesso.     Non è grande merito stare bene con persone buone e miti; è cosa, questa, che fa naturalmente piacere a tutti, e nella quale tutti troviamo facile contentezza, giacché amiamo di più quelli che ci danno ragione.     E' invece grande virtù, e lodevole comportamento, degno di un uomo coraggioso, riuscire a vivere in pace con le persone dure e cattive, che si comportano senza correttezza e non hanno condiscendenza verso di noi...     Colui che saprà meglio sopportare, conseguirà una pace più grande. Vittorioso su se stesso e padrone del mondo, questi è l'amico di Cristo e l'erede del cielo.    

Imitazione di Cristo, trattato spirituale del XV secolo     - Libro II, cap. 3    

Tutte le Liturgie

Registrati e effettua il login al sito; in caso contrario non puoi rilasciare commenti.

Storico Articoli

Powered by mod LCA

Warning: mkdir() [function.mkdir]: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 60

Warning: file_put_contents(/home/mifa1614/public_html/cache/mod_lca/9735018e1fea20d52f5c7af32767fb3f.xml) [function.file-put-contents]: failed to open stream: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 61

Utenti On Line

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi352
mod_vvisit_counterIeri615
mod_vvisit_counterQuesta Settimana967
mod_vvisit_counterScorsa Settimna5361
mod_vvisit_counterQuesto Mese13195
mod_vvisit_counterScorso Mese15810
mod_vvisit_counterComplessivo4315380

Abbiamo: 88 ospiti online
IP: 50.19.34.255
 , 
Oggi: Feb 20, 2018

Che ore sono ?