Warning: Memcache::addserver() expects parameter 2 to be long, string given in /home/mifa1614/public_html/libraries/joomla/cache/storage/memcache.php on line 84
Liturgia Sett. 19 Giorno 129

Almanacco

Che tempo fa ?

Venerdì, 25 Maggio 2018 - If your browser doesn't automatically go there within a few seconds, you may want to go to Evangelizo Reader manually. If your browser doesn't automatically go there within a few seconds, you may want to go to Evangelizo Reader manually.
Home Tutte le Liturgie Liturgia Sett. 19 Giorno 129

Liturgia Sett. 19 Giorno 129

Il Signore è sommamente rispettoso. Non ti cambia con la forza, né contro la tua volontà. Egli non entrerà in te e non compirà la sua opera se non sarai tu a chiederglielo con ferma determinazione..

Gustavo E. Jamut

Liturgia del Giorno

Sabato della III settimana di Pasqua
S. Juan (Giovanni) d'Ávila, Dottore della Chiesa (1499-1569),  S. Damiano De Veuster, sacerdote SS.CC. (1840-1889)

Tutte le Liturgie


Prima Lettura

Atti degli Apostoli 9,31-42.

In quei giorni, la Chiesa era in pace per tutta la Giudea, la Galilea e la Samaria; essa cresceva e camminava nel timore del Signore, colma del conforto dello Spirito Santo. E avvenne che mentre Pietro andava a far visita a tutti, si recò anche dai fedeli che dimoravano a Lidda. Qui trovò un uomo di nome Enea, che da otto anni giaceva su un lettuccio ed era paralitico. Pietro gli disse: "Enea, Gesù Cristo ti guarisce; alzati e rifatti il letto". E subito si alzò. Lo videro tutti gli abitanti di Lidda e del Saròn e si convertirono al Signore. A Giaffa c'era una discepola chiamata Tabità, nome che significa "Gazzella", la quale abbondava in opere buone e faceva molte elemosine. Proprio in quei giorni si ammalò e morì. La lavarono e la deposero in una stanza al piano superiore. E poiché Lidda era vicina a Giaffa i discepoli, udito che Pietro si trovava là, mandarono due uomini ad invitarlo: "Vieni subito da noi!". E Pietro subito andò con loro. Appena arrivato lo condussero al piano superiore e gli si fecero incontro tutte le vedove in pianto che gli mostravano le tuniche e i mantelli che Gazzella confezionava quando era fra loro. Pietro fece uscire tutti e si inginocchiò a pregare; poi rivolto alla salma disse: "Tabità, alzati!". Ed essa aprì gli occhi, vide Pietro e si mise a sedere. Egli le diede la mano e la fece alzare, poi chiamò i credenti e le vedove, e la presentò loro viva. La cosa si riseppe in tutta Giaffa, e molti credettero nel Signore.

Salmi

Salmi 116(115),12-13.14-15.16-17.

Che cosa renderò al Signore per quanto mi ha dato? Alzerò il calice della salvezza e invocherò il nome del Signore. Adempirò i miei voti al Signore, davanti a tutto il suo popolo. Preziosa agli occhi del Signore è la morte dei suoi fedeli. Sì, io sono il tuo servo, Signore, io sono tuo servo, figlio della tua ancella; hai spezzato le mie catene. A te offrirò sacrifici di lode e invocherò il nome del Signore.

Seconda Lettura

Non prevista per la giornata odierna

Vangelo

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Giovanni 6,60-69.

In quel tempo, molti tra i discepoli di Gesù, dissero: «Questo linguaggio è duro; chi può intenderlo?». Gesù, conoscendo dentro di sé che i suoi discepoli proprio di questo mormoravano, disse loro: «Questo vi scandalizza? E se vedeste il Figlio dell'uomo salire là dov'era prima? E' lo Spirito che dà la vita, la carne non giova a nulla; le parole che vi ho dette sono spirito e vita. Ma vi sono alcuni tra voi che non credono». Gesù infatti sapeva fin da principio chi erano quelli che non credevano e chi era colui che lo avrebbe tradito. E continuò: «Per questo vi ho detto che nessuno può venire a me, se non gli è concesso dal Padre mio». Da allora molti dei suoi discepoli si tirarono indietro e non andavano più con lui. Disse allora Gesù ai Dodici: «Forse anche voi volete andarvene?». Gli rispose Simon Pietro: «Signore, da chi andremo? Tu hai parole di vita eterna; noi abbiamo creduto e conosciuto che tu sei il Santo di Dio».

Commento alle letture

“Tu hai parole di vita eterna”    

    Â“Da chi andremo ?” chiede Pietro. Vuol dire: “Chi, come te, ci istruirà sui divini misteri?”, o ancora: “Da chi potremmo avere qualcosa di meglio? Tu hai parole di vita eterna”. Non sono impossibili, come dicono altri discepoli. Al contrario, conducono alla realtà più straordinaria, la vita senza fine, la vita immortale. Queste parole ci mostrano chiaramente che dobbiamo sederci ai piedi di Cristo, prenderlo come solo e unico maestro e stare costantemente con luiÂ…    Anche lÂ’Antico Testamento ci insegna a seguire Cristo, sempre uniti a lui. Difatti, al tempo in cui gli israeliti, liberati dallÂ’oppressione egiziana, si dirigevano velocemente verso la terra promessa, Dio non li lasciò soli nel viaggio. Chi dona la Legge non poteva permettere che andassero chissà dove, a caso. Infatti, senza guida, sicuramente si sarebbero smarritiÂ… ; gli Israeliti trovavano salvezza restando con la loro guida. Oggi facciamo lo stesso rifiutando di separarci da Cristo, poiché è lui che si è manifestato ai progenitori sotto le apparenze della tenda, della nube e del fuoco (Es 13,21; 26,1ss)Â…    Â“Se uno mi vuol servire mi segua, e dove sono io, là sarà anche il mio servo” (Gv 12,26)Â… Ora, camminare in compagnia e dietro a Cristo Salvatore non si fa in senso materiale, ma piuttosto con le opere della virtù. I discepoli più saggi vi si sono decisamente impegnati con tutto il cuoreÂ… ; con ragione dicono: "Da chi andremo ?" In altri termini: “Saremo sempre con te, resteremo fedeli ai tuoi comandi, accoglieremo le tue parole, senza mai dubitare. Non penseremo, come gli ignoranti, che il tuo insegnamento è difficile da intendere. Al contrario diremo: ‘Quanto sono dolci al mio palato le tue parole: più del miele per la mia bocca’” (Sal 119,103).    

San Cirillo d'Alessandria (380-444), vescovo e dottore della Chiesa     - Commento al vangelo di Giovanni, 4, 4 ; PG 73, 613     

Tutte le Liturgie

Registrati e effettua il login al sito; in caso contrario non puoi rilasciare commenti.

Storico Articoli

Powered by mod LCA

Warning: mkdir() [function.mkdir]: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 60

Warning: file_put_contents(/home/mifa1614/public_html/cache/mod_lca/9735018e1fea20d52f5c7af32767fb3f.xml) [function.file-put-contents]: failed to open stream: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 61

Utenti On Line

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi100
mod_vvisit_counterIeri130
mod_vvisit_counterQuesta Settimana708
mod_vvisit_counterScorsa Settimna1000
mod_vvisit_counterQuesto Mese8392
mod_vvisit_counterScorso Mese20136
mod_vvisit_counterComplessivo4361439

Abbiamo: 38 ospiti, 5 bots online
IP: 23.20.240.193
 , 
Oggi: Mag 25, 2018

Che ore sono ?