Warning: Memcache::addserver() expects parameter 2 to be long, string given in /home/mifa1614/public_html/libraries/joomla/cache/storage/memcache.php on line 84
Liturgia Sett. 11 Giorno 73

Almanacco

Che tempo fa ?

Martedì, 12 Dicembre 2017 -
Home Tutte le Liturgie Liturgia Sett. 11 Giorno 73

Liturgia Sett. 11 Giorno 73

Per cercare di amare Dio sopra ogni cosa, occorre, un giorno o l'altro, essere costretti ad amare solo Dio....

Madeleine Delbrêl

Liturgia del Giorno

Sabato della I settimana di Quaresima
S. Louise de Marillac, cofondatrice F.d.C. (1591-1660),  B. Artemide Zatti, coadiutore S.D.B. (1880-1951)

Tutte le Liturgie


Prima Lettura

Libro del Deuteronomio 26,16-19.

Mosè parlò al popolo, e disse: « Oggi il Signore tuo Dio ti comanda di mettere in pratica queste leggi e queste norme; osservale dunque, mettile in pratica, con tutto il cuore, con tutta l'anima. Tu hai sentito oggi il Signore dichiarare che Egli sarà il tuo Dio, ma solo se tu camminerai per le sue vie e osserverai le sue leggi, i suoi comandi, le sue norme e obbedirai alla sua voce. Il Signore ti ha fatto oggi dichiarare che tu sarai per lui un popolo particolare, come egli ti ha detto, ma solo se osserverai tutti i suoi comandi; Egli ti metterà per gloria, rinomanza e splendore, sopra tutte le nazioni che ha fatte e tu sarai un popolo consacrato al Signore tuo Dio com'egli ha promesso ».

Salmi

Salmi 119(118),1-2.4-5.7-8.

Beato l'uomo di integra condotta, che cammina nella legge del Signore. Beato chi è fedele ai suoi insegnamenti e lo cerca con tutto il cuore. Tu hai dato i tuoi precetti perché siano osservati fedelmente. Siano diritte le mie vie, nel custodire i tuoi decreti. Ti loderò con cuore sincero quando avrò appreso le tue giuste sentenze. Voglio osservare i tuoi decreti: non abbandonarmi mai.

Seconda Lettura

Non prevista per la giornata odierna

Vangelo

Dal Vangelo di Gesù Cristo secondo Matteo 5,43-48.

In quel tempo, Gesù disse ai suoi discepoli: «Avete inteso che fu detto: Amerai il tuo prossimo e odierai il tuo nemico; ma io vi dico: amate i vostri nemici e pregate per i vostri persecutori, perché siate figli del Padre vostro celeste, che fa sorgere il suo sole sopra i malvagi e sopra i buoni, e fa piovere sopra i giusti e sopra gli ingiusti. Infatti se amate quelli che vi amano, quale merito ne avete? Non fanno così anche i pubblicani? E se date il saluto soltanto ai vostri fratelli, che cosa fate di straordinario? Non fanno così anche i pagani? Siate voi dunque perfetti come è perfetto il Padre vostro celeste. »

Commento alle letture

“Ma io vi dico: Amate i vostri nemici”    

    Uno di voi dirà: “Non posso assolutamente amare i nemici”. Dovunque nelle Sacre Scritture, Dio ti ha detto che lo puoi; e tu invece rispondi che non puoi? Ora rifletti: A chi credere, a Dio o a te? Poiché colui che è la Verità stessa non può mentire, è ora che la debolezza umana abbandoni le sue futili scuse. Colui che è giusto non può comandare qualcosa dÂ’impossibile, e colui che è misericordioso non condannerà uno per ciò che non ha potuto evitare. Perché allora i nostri falsi motivi? Nessuno sa quanto possiamo fare meglio di colui che ci ha dato questo potere. Quanti uomini, donne, bambini, ragazze delicate hanno sopportato per Cristo senza un lamento le fiamme, il fuoco, la spada e gli animali feroci; e noi, diciamo che non possiamo sopportare gli insulti di gente stupida?...    Infatti, se devono essere amati solo i buoni, che dire della condotta del nostro Dio di cui è scritto: “Dio infatti ha tanto amato il mondo da dare il suo Figlio unigenito” (Gv 3,16). Poiché quale bene aveva fatto il mondo da meritare che Dio lÂ’ami così? Cristo nostro Signore ha trovato gli uomini non solo cattivi, ma addirittura morti a causa del peccato originale; e tuttaviaÂ… “Cristo ci ha amato e ha dato se stesso per noi” (Ef 5,2). Così facendo, ha amato anche coloro che non lo amavano, come dice pure lÂ’apostolo Paolo: “Cristo morì per gli empi” (Rom 5,6). E nella sua misericordia ineffabile ha dato questo esempio al genere umano intero, dicendo: “Imparate da me, che sono mite e umile di cuore” (Mt 11,29).     

San Cesario di Arles (470-543), monaco e vescovo     - Discorsi al popolo, N° 37 ; SC 243    

Tutte le Liturgie

Registrati e effettua il login al sito; in caso contrario non puoi rilasciare commenti.

Storico Articoli

Powered by mod LCA

Warning: mkdir() [function.mkdir]: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 60

Warning: file_put_contents(/home/mifa1614/public_html/cache/mod_lca/9735018e1fea20d52f5c7af32767fb3f.xml) [function.file-put-contents]: failed to open stream: Permission denied in /home/mifa1614/public_html/modules/mod_lca/cache.php on line 61

Utenti On Line

mod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_countermod_vvisit_counter
mod_vvisit_counterOggi240
mod_vvisit_counterIeri685
mod_vvisit_counterQuesta Settimana925
mod_vvisit_counterScorsa Settimna3811
mod_vvisit_counterQuesto Mese6756
mod_vvisit_counterScorso Mese28770
mod_vvisit_counterComplessivo4265360

Abbiamo: 62 ospiti online
IP: 54.82.112.193
 , 
Oggi: Dic 12, 2017

Che ore sono ?